Lancia Fulvia. De Meo: "Uno dei miei più grandi rimpianti professionali"










PAI ©  Facebook - Google+ - Twitter - Instagram - YouTube

La Lancia Fulvia, in versione coupé, è oggi tra le auto più ricercate della sua epoca grazie soprattutto alle numerose vittorie nei Rally internazionali che hanno reso questa versione una delle icone più riconosciute tra le automobili degli anni sessanta, tanto che il centro stile Lancia realizzò, nel 2003, una concept car ad essa ispirata e che ha ricevuto grandi apprezzamenti a livello internazionale.
Disegnata da Alberto Dilillo e Flavio Manzoni e prodotta in esemplare unico, fu presentata al Salone di Francoforte del settembre 2003, suscitando grande sorpresa e numerosi apprezzamenti da parte di appassionati "Lancisti" e giornalisti, che ne invocarono immediatamente la produzione. Ma a quei tempi le risorse economiche del Gruppo Fiat S.p.A. erano molto limitate e la stessa dirigenza Lancia, che fino ad allora aveva fatto pressioni ai vertici del Gruppo per una produzione del modello, dovette rassegnarsi all'impossibilità di tale progetto. Anni dopo, il manager Luca De Meo (che nel 2003 era tra i dirigenti della Lancia), nel suo libro "Da 0 a 500", definì la Fulvia Concept come "Uno dei miei più grandi rimpianti professionali". La Fulvia Concept era basata su telaio Fiat Barchetta e ne montava anche lo stesso motore 1.800cc benzina. A differenza dell'antenata degli anni '60, la Fulvia Concept 2003 aveva solo due posti anziché quattro.

Commenti

  1. Chissà se adesso possono farlo utilizzando il pianale della 124...
    Fd

    RispondiElimina
  2. Risorse cosi limitate che.. tra il 2002 e 2004 sono state approvate:
    - restyling VECCHIA alfa Gtv e Gtv Spider pur sapendo che andavano in pensione
    - restyling alfa 166
    - 3° restylng su alfa 156 e SW (muso "da 159") pur sapendo che andava in pensione
    - Alfa 156 Crosswagon 4x4 (meccanica ad hoc. durata 1 anno)
    - Alfa Gt -nuova
    - Alfa 159 e SW
    - Alfa Brera e Spider
    - Alfa 8c e Spider da prototipo2003

    ma che la smettano di raccontarci BALLE: l'obiettivo era solo uno. Togliere di mezzo LANCIA e dare tutto ad alfa, come sempre accade da 30anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.... Come successo con Innocenti e Autobianchi: comprati da Agnelli per poi essere eliminati per avere meno concorrenza interna....
      Lancia è in stato vegetativo con la Y ad un passo dalla morte...
      Fd

      Elimina
  3. E guarda caso anche la dodge viper CANCELLATA! Grazie Marpionne!
    Fd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai dai ... la viper e stata cancellata perchè non vende, niente da vedere con marchionne

      Elimina
  4. I primi 3 sono solo cambi di calandra. La meccanica crosswagon era la base test per 159 Q4 e il suv alfa rimasto allo stadio di prototipo (visibile ad Arese). 159, sw, Brera e spider sono varianti dello stesso progetto.
    All'epoca ci credevano ancora in Lancia : Thesis (un miliardo per 18,000 vendite), Musa, concept stilnovo che poi divenne Delta 3, Pangea su base Sedici fermata solo perché i volumi concordati con Suzuki erano già realizzati con la Sedici.
    Quindi prima di scrivere BALLE e' meglio informarsi...

    RispondiElimina
  5. Direi che la Delta 3, alias Delta carrofunebre, è stata la tomba della Lancia insieme alla Thesis, nata vecchia. La musa era gradevole, ma non si può vivere per sempre con una utilitaria e una piccola monovolume.La lancia non ha più prodotto auto belle, ma solo flop uno dietro l'altro. Mi chiedo se coloro che approvavano questi modelli avevano gli occhi per vedere o erano cecati.

    RispondiElimina

Posta un commento

Controllo dei messaggi

Post popolari in questo blog

Prodotta oggi a Pomigliano d'Arco la milionesima Fiat Panda

Il "Pandone" di Fiat

La divisione interna a Fiat per un erede della Punto e l'ostacolo per far arrivare la Argo in Europa

Emessa oggi la moneta in argento che celebra la Fiat 500

Stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco si conferma medaglia d'oro

Arriva l'Alfa Romeo Giulia TZ Coupé

Aggiornamento su Lancia Ypsilon 2018 e non solo...

Nuovo investimento di 42 milioni a Pomigliano d'Arco. A inizio 2018 l'annuncio dell'arrivo di una Nuova Alfa Romeo

Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo 48V Mild Hybrid